Archivi per ‘Partecipare’

7 anni senza Giulio

Giornata della memoria

In occasione della giornata della memoria il coordinamento donne, lo Spi Vercelli Valsesia insieme alla Cgil, Anpi, Auser organizzano uno spettacolo dal titolo “Shoah” il coro nel vento.

#manovrasbagliata

SCIOPERO GENERALE – GIOVEDÌ 15 DICEMBRE
CONTRO UNA LEGGE DI BILANCIO DA CAMBIARE

La CGIL Vercelli Valsesia e la UIL Biella e Vercelli manifestano a Vercelli, in piazza Alciati, dalle 10 alle 13, con interventi e volantinaggio
 

La CGIL Vercelli Valsesia e la UIL Biella e Vercelli aderiscono alla mobilitazione nazionale per cambiare una legge di bilancio iniqua e sbagliata che colpisce i più poveri e le fasce della popolazione più deboli, accresce la precarietà, premia gli evasori fiscali e aumenta l’iniquità del sistema fiscale. 

Nel recente incontro avvenuto lo scorso 7 dicembre, a Roma, con il Governo Meloni, le Organizzazioni sindacali hanno confermato e motivato un giudizio negativo insieme a proposte di cambiamento in materia di emergenza salariale e rinnovo CCNL, contrasto della precarietà e superamento dei voucher, reddito di cittadinanza, riduzione cuneo contributivo, fiscal drag e riforma fiscale, no flat tax, lotta all’evasione e tassazione extraprofitti, rivalutazione delle pensioni e superamento della Legge Fornero, investimenti su sanità, scuola e servizi pubblici, politiche industriali e piano energetico, piano straordinario per l’occupazione.

Il Governo Meloni ha ribadito che i provvedimenti fiscali varati (flat tax, pos, contante) sono una strategia giusta, contestando il fatto che la manovra favorisca l’evasione. E mentre anticipava generici impegni di miglioramento di alcuni punti della manovra, che però di fatto è stata confermata, ha sottolineato che il rapporto con le Organizzazioni sindacali è previsto dal Governo, ma senza assunzioni di vincoli o ricerca di accordi.

Ecco perché la CGIL Vercelli Valsesia e la UIL Biella e Vercelli aderiscono alla mobilitazione nazionale contro una manovra che non interviene sull’emergenza salariale, che riduce le risorse per la sanità, la scuola e il trasporto pubblico, non stanzia adeguate risorse per l’occupazione pubblica e privata, non modifica la Legge Fornero e taglia la rivalutazione delle pensioni. Appuntamento a Vercelli, in piazza Alciati, giovedì 15 dicembre, dalle ore 10 alle 13

Manifestazione nazionale a Roma per la Pace, il Lavoro, la Giustizia sociale, la Democrazia

Pace, lavoro, democrazia e giustizia sociale sono le nostre parole e camminano insieme

Due appuntamenti per riflettere insieme a delegate, delegati, attivisti delle leghe, studenti e associazioni presenti sul territorio – invitando anche rappresentanti delle istituzioni, dei Comuni e delle Regioni – sui tre temi che verranno portati in piazza dalla CGIL, nella grande Assemblea nazionale a Roma, il 18 giugno prossimo: PACE, LAVORO, DEMOCRAZIA E GIUSTIZIA SOCIALE.

Per la PACE, la CGIL condanna fermamente l’invasione russa nei confronti dell’Ucraina. La nostra Organizzazione si è attivata per fornire aiuti umanitari e progetti di accoglienza e si è impegnata da subito contro l’invasione russa, a sostegno degli ucraini, della democrazia e del diritto all’autodeterminazione attraverso aiuti umanitari e progetti di accoglienza. Ma anche per chiedere il cessate il fuoco e costruire la pace attraverso il negoziato.

Per il LAVORO e la GIUSTIZIA SOCIALE la CGIL chiede di investire per combattere vecchie e nuove povertà, per una società sostenibile improntata al lavoro stabile e dignitoso. Bisogna rimettere al centro il lavoro, fare della giustizia sociale il parametro delle scelte politiche e di investimento e utilizzare le risorse europee e nazionali per affrontare la transizione digitale e ambientale senza lasciare indietro nessuno. Aiutare chi ha redditi più bassi e chi è più in difficoltà: lavoratori, pensionati, precari, Partite IVA, disoccupati. Serve un netto contrasto alla precarietà, al part time involontario, al finto lavoro autonomo, al lavoro povero e sommerso, per puntare su un lavoro con pieni diritti e qualità anche nel settore pubblico.

Maggiore giustizia e sicurezza sociale hanno bisogno di investimenti nello stato sociale e nel welfare pubblico. È necessario aumentare il finanziamento del SSN, il rafforzamento dell’assistenza territoriale e varare una legge sulla non autosufficienza per garantire la presa in carico delle persone e la risposta ai loro bisogni da parte dei servizi pubblici.

Bisogna garantire salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, aumentare i controlli ed eliminare le cause degli infortuni e delle morti in incidenti lavorativi. Serve un intervento deciso sulla catena degli appalti e dei subappalti rendendo effettive e esigibili la clausola sociale, il rispetto dei contratti nazionali, e la pensione anticipata per chi fa lavori usuranti e gravosi.

È una esigenza del mondo del lavoro rafforzare il ruolo del Contratto Nazionale così come garantire il diritto delle lavoratrici e dei lavoratori a eleggere le RSU in tutti i luoghi di lavoro. È giusto introdurre e regolare anche in Italia un salario minimo.

Infine, per la DEMOCRAZIA la CGIL impegna tutte le Camere del lavoro a convocare assemblee pubbliche che a Vercelli saranno aperte a lavoratrici, lavoratori, pensionate, pensionati, a tutta la cittadinanza, invitando i rappresentanti delle istituzioni, dei Comuni e delle Regioni per avviare un percorso di discussione e mobilitazione che si concluderà con la GRANDE ASSEMBLEA NAZIONALE a Roma, il 18 giugno 2022.

Programma Manifestazione 1° maggio a Vercelli e Borgosesia

77° Anniversario della Liberazione

8 marzo

Manifestiamo per la pace

Al rumore delle bombe e all’invasione russa dell’Ucraina, all’angoscia e al dolore dei popoli coinvolti in questa terribile situazione, il movimento sindacale, come ha sempre fatto, risponde con la mobilitazione di piazza. L’appuntamento è per sabato 26 febbraio in tutte le città italiane. Invitiamo i pensionati e le pensionate a partecipare e le nostre strutture territoriali a organizzare presidi e manifestazioni anche per i prossimi giorni.

Sciopero generale 16 dicembre: le richieste sulla previdenza